mercoledì 24 aprile 2019

A volte ritornano.

Chissà quante volte avete sentito dire che "i vaccini causano l'autismo".
Chiariamo subito: non è vero.
Non c'è nessun motivo che lo faccia pensare anche perché tutti gli studi (seri) sull'argomento lo hanno escluso, è una delle bufale più classiche e diffuse sui vaccini.
C'è anche un'origine molto particolare di questa leggenda e l'ho raccontata molti anni fa, probabilmente tra i primi in Italia a parlarne. Qui raccontai la storia, qui qualche sviluppo.

Periodicamente però c'è chi tenta di farla tornare di moda e in questi giorni ho ricevuto alcune segnalazioni su un video che "riabiliterebbe" il ciarlatano che ha dato origine a questa stupida e pericolosa leggenda. Nonostante la vicenda è ormai storia ed è ricordata solo come esempio e monito di come anche la scienza possa essere vittima di interessi e truffe, ogni tanto qualcuno prova a rimettere in gioco la figura sporca e proverbialmente furba di Andrew Wakefield, l'ex medico inglese che diede origine alla bufala del nesso vaccini autismo. Con un colpo di spugna cancella tutte le sue malefatte e lo trasforma in eroe contro il sistema. Possibile che serva ogni volta ripetere i fatti? Eh sì, non siamo bravi a ricordare le cose quando non ci convengono.
Per questo ho pensato che fosse il caso di raccontare di nuovo come andarono le cose.

Partiamo dal contesto. Di cosa stiamo parlando?

Morbillo, vaccini e Andrew Wakefield.

Dal 1988 in Inghilterra fu introdotto il vaccino trivalente (morbillo, parotite, rosolia MPR, in inglese la sigla è MMR) al posto del vaccino singolo per ogni malattia. Questo sia per diminuire il rischio della somministrazione (fare un vaccino è molto meno rischioso che farne tre) ma anche per assicurare maggiore protezione ai bambini (con una sola puntura sarebbero stati protetti da tre malattie e non da una sola). Questa si rivelò una buona scelta perché le coperture vaccinali crebbero in maniera evidente. La malattia era sotto controllo e non si erano più registrate epidemie preoccupanti.

Nello stesso anno un gastroenterologo inglese, Andrew Wakefield, pubblicò uno studio nel quale sosteneva di aver trovato anticorpi antimorbillo (del ceppo presente nei vaccini) in bambini che soffrivano di disturbi dello sviluppo mentale (autismo, per esempio) e colite (un disturbo intestinale). Disse Wakefield nello studio che questi bambini avevano tutti un disturbo intestinale, che erano vaccinati e che quindi si poteva ipotizzare che fosse il vaccino colpevole di quei problemi intestinali. Nello studio (come nella maggioranza degli studi seri) si conclude che non vi è nessuna certezza di un collegamento tra disturbi intestinali, autismo e vaccini ma che il dato era quello.
Lo studio non era importantissimo (solo 12 bambini studiati, nessun gruppo di controllo, dati vaghi) ma forniva un dato interessante.
Il problema sorse dopo una conferenza stampa di presentazione dello studio nella quale Wakefield disse che in effetti c'era un collegamento tra vaccinazione trivalente (MPR) e autismo e che, a suo parere, era molto più sicuro fare vaccinazioni singole (cioè per le singole malattie), cosa che a quel punto in Inghilterra era ormai in disuso.

La cosa scatenò molte polemiche, i giornali si buttarono a capofitto sullo "scoop", Wakefield era invitato a trasmissioni e talk show e si diffuse la paura del vaccino, con conseguente caduta delle coperture e, dopo molti anni, ritorno di casi di morbillo (che tornò ad essere endemico in Inghilterra) con alcuni decessi. Fu un caso nazionale e molti esperti cercarono di riparare ai problemi causati dalle parole (sicuramente avventate di quel, fino ad allora anonimo, ricercatore).
A quel punto però il danno era fatto e si diffuse in tutto il mondo.

Ma un giornalista, Brian Deer, noto per le sue campagne contro Big Pharma (tra le altre cose scoprì gli effetti collaterali nascosti di un noto e venduto antibiotico) riuscì prima a intervistare i genitori dei bambini studiati dal medico inglese e da lì trovò anche dei documenti sconvolgenti.

Riuscì a scoprire un vaso di incredibili falsificazioni, comportamenti scorretti, trattamenti non etici sui bambini e tutto finanziato da uno studio legale che si occupava di ottenere risarcimenti per presunti danni da vaccino che dallo studio poteva ottenere ottima benzina per le sue cause. Inoltre si scoprì che Wakefield aveva brevettato un vaccino singolo (proprio quello che consigliava al posto di quello trivalente in uso in quel momento).
Wakefield aveva sottoposto i bambini da lui studiati a procedure non indicate e invasive (biopsie intestinali, punture lombari e colonscopie), non aveva rispettato le regole del comitato etico del suo ospedale e aveva danneggiato l'immagine dei medici.
Per riassumere, il ricercatore inglese aveva pubblicato uno studio basato su dati falsi e raccolti in maniera scorretta, pericolosa e irrispettosa dei bambini e lo fece, senza dichiararlo, finanziato da uno studio legale che cercava dati per sostenere le sue cause e che usò soldi destinati ad altri scopi. L'eco causato dallo studio determinò una paura generale nei confronti dei vaccini con calo delle vaccinazioni e diversi casi di malattia.

Per questi motivi e dopo un lungo procedimento, Wakefield fu radiato dall'ordine dei medici, accusato di essere "disonesto e irresponsabile". Il presidente della commissione dell'ordine dei medici britannico (il GMC, General, Medical, Council) disse che Wakefield aveva dimostrato "cinico disprezzo" nei confronti dei bambini usati per lo studio.
Assieme a lui furono radiati il suo primario (co-autore dello studio) e un altro medico.
Gli altri autori dello studio, davanti allo scandalo, ritirarono la loro firma da quella ricerca dicendosi inconsapevoli della frode.
Dopo un ricorso, qualche anno dopo, il primario di Wakefield (ormai in pensione) Walker-Smith, fu riabilitato perché non era al corrente della truffa e fu anch'esso vittima del medico frodatore e non un suo complice come inizialmente (ed erroneamente) pensato.

Lo studio pagato dagli avvocati.

Lo studio legale dell'avvocato Richard Barr ebbe un ruolo decisivo nella corruzione di Wakefield il quale non solo prese un bel po' di denaro dagli avvocati che cercavano "una pezza" sulla quale basare le loro richieste di indennizzo per i propri assistiti (che secondo loro erano danneggiati da vaccino) ma non tenne conto del fatto che le spese per eseguire lo studio erano già pagate (in parte) dal servizio sanitario nazionale inglese, quindi Wakefield fu accusato anche di sperpero di denaro pubblico, prese soldi dagli avvocati e dallo stato. A maggior ragione perché l'avvocato Barr, per pagare Wakefield, usò fondi del Legal Aid Board che ufficialmente (sono fondi statali) dovevano essere usati per sostenere famiglie che non potevano permettersi un avvocato nelle loro cause. In pratica i soldi furono deviati a Wakefield senza ragione e il medico, per giustificarne l'uso, li utilizzò per le spese che servivano per la ricerca sui bambini autistici. Lo scopo di questo studio, sovvenzionato dall'avvocato, non era nemmeno così nascosto: "L'obiettivo è trovare prove che potranno essere accettabili in un processo sul collegamento tra il vaccino morbillo/parotite/rosolia o quello morbillo/rosolia e certe condizioni" (nota 6 references delle indagini di Deer).

Wakefield sottopone allo studio legale di Barr l'organizzazione della ricerca su autismo e disturbi intestinali.

Barr, in varie rate e con varie giustificazioni (soggiorno dei bambini in ospedale, acquisto materiali, spese varie) passò delle somme di denaro a Wakefield che furono versati come provato dal GMC.
Questa non è una supposizione ma sono dati provati e persino ammessi dall'ex medico inglese (dalla trascrizione del processo del GMC, a pagina 6 e seguenti). Wakefield inoltre, chiese una parcella stratosferica (circa 150 sterline l'ora, più o meno 170 euro) per un totale di 750.000 dollari. Ovviamente Wakefield, mentendo, negò di aver ricevuto denaro e le altre accuse.

L'aspetto etico

Aver sottoposto bambini a esami dolorosi, invasivi, con anestesia, potenzialmente rischiosi per i quali non c'era indicazione, effettuati senza competenza, aver nascosto i propri conflitti di interesse, aver nascosto il pagamento da parte dello studio legale, aver proceduto all'esame di alcuni bambini senza permesso del comitato etico, sono gli aspetti che hanno indotto il GMC a considerare non etico il comportamento di Andrew Wakefield. Bisogna ricordare che i comitati etici esistono proprio per evitare che si compiano atti violenti, non indicati, non consentiti o non morali nei confronti delle persone (questa è una garanzia a protezione del paziente, anche gli esperimenti medici devono essere etici, permessi e utili) e ovviamente bambini, malati o persone con problemi di salute sono maggiormente tutelati per ovvi motivi. Wakefield agì senza nessuna pietà e per il suo interesse, nei confronti dei bambini usati nel suo studio, l'uso per esempio di esami inutili e non indicati fu la regola.

Infine un fatto raccapricciante: Wakefield pagò 5 sterline ciascuno dei bambini di un gruppo invitato alla festa di compleanno del figlio, in cambio di un prelievo del loro sangue (pag. 54 verbale GMC) dal quale ottenere dei dati.

I dati falsi e manipolati

Uno dei comportamenti che più indigna chi conosce questa storia è quello relativo ai dati falsi usati da Wakefield per darsi ragione. L'aspetto etico con quello morale e quello amministrativo, ha sicuramente un peso fondamentale nella sua radiazione (il GMC ha radiato Wakefield per motivi deontologici e etici, non entra nel merito della veridicità dei suoi studi) ma fa rabbia vedere come un medico, che dovrebbe porre la correttezza tra i valori più importanti per la sua professione abbia usato dati falsi e la manipolazione di quelli veri pur di ottenere i dati che voleva. Succede, può succedere ma fa rabbia notare come spesso anche un furbo manipolatore possa avere la sua influenza sulla società e, soprattutto, sulla salute del prossimo.
Dopo il clamore suscitato dal caso Brian Deer e altri giornalisti si mettono al lavoro e scoprono alcune cose terribili ma interessanti che disegnarono il progetto diabolico dello scienziato inglese.

Wakefield, per esempio, raccolse le biopsie (prelievo di tessuto da diverse parti dell'intestino) di questi bambini per mostrare come vi fosse un legame tra autismo e colite (un.disturbo intestinale). Ricordiamo che lo studio parlava delle caratteristiche di 12 bambini proprio con autismo e problemi intestinali cosa che invece non emerge dagli originali degli esami istologici. Alcuni di quei bambini mostravano reperti di lieve infiammazione intestinale, un reperto comune (cioè non era segno di una particolare malattia, può essere anche un problema passeggero comune in molti bambini specie se non hanno una dieta equilibrata) altri non avevano addirittura nessun problema intestinale, né dal punto di vista dei sintomi né dagli esami effettuati.

Bambino 5 dello studio: nessun riferimento a sintomi intestinali (pag. 30 del verbale GMC) 
Lo studio di Wakefield parlava di "colite aspecifica" (già dal titolo) in tutti i soggetti, cosa falsa e si evince proprio dagli esami che egli stesso fece.
In questa tabella un riassunto di tutti i dati (colonna verticale i singoli bambini studiati, orizzontale le varie sedi delle biopsie intestinali, le lettere sono i vari segni che dovrebbero mostrare l'infiammazione dell'intestino i numeri da 0 a 3 il grado di infiammazione: 3 è il grado più grave, 0 quello meno grave). Le biopsie, controllate dal dottor Dhillon, mostravano come nessun bambino avesse un problema intestinale più che "minimo" (gradi 0 o 1, pochi 2), cosa che poi Wakefield manipolò trasformando quelle biopsie in "patologiche".
C'erano addirittura bambini con un intestino assolutamente normale (come il bambino sette o l'uno).
Persino le diagnosi di disturbo dello spettro autistico non riguardavano tutti i (pochi) bambini studiati e questo è scritto già nello studio. Tutto questo fu trasformato poi in "il vaccino trivalente causa l'autismo" e poi in "i vaccini causano l'autismo". Questo può far capire come uno studio ha trasformato ingiustificatamente (e pericolosamente) le sue conclusioni.

Bambino 8. Non aveva autismo ma encefalite

Biopsia intestinale del bambino 1: normale. Wakefield diceva che TUTTI i bambini studiati avessero anomalie intestinali
I fatti incredibili che emergono dalle (fitte) 143 pagine del verbale del processo GMC sono tanti, a tratti preoccupanti e descrivono un Wakefield determinato, senza scrupoli e convinto di raggranellare quanti più dati possibili che potessero essere utili alla sua causa e non certo alla scienza o al progresso. Infine, nelle interviste che fece il giornalista Brian Deer ai genitori dei bambini coinvolti nello studio, apparve diverse volte evidente che alcuni di essi manifestarono i primi sintomi neurologici prima di ricevere la vaccinazione (come il bambino 11), che invece nello studio erano descritte come diagnosi di autismo ricevute dopo la vaccinazione trivalente. Dai dati risulta che solo due su dodici bambini, avessero avuto con certezza diagnosi di autismo prima della vaccinazione. Sembrano manipolati ad uso e consumo dell'ex medico inglese altri dati relativi a quei bambini, emergono per esempio differenze tra le diagnosi originali (da parte dei loro medici curanti o di altri medici che li avevano visitati) di questi bambini e quelle finali che Wakefield usava per il suo studio. In pratica tra quanto scritto nello studio e quanto emerso dai documenti originali c'era una differenza abissale e decisiva, tanto che nessuno dei 12 bambini coinvolti nello studio soddisfaceva tutti i requisiti necessari per essere incluso nella ricerca (cosa che invece Wakefield dichiarava nello studio) e già il titolo stesso dello studio ("Ileal-lymphoid-nodular hyperplasia, non-specific colitis, and pervasive developmental disorder in children" cioè "Iperplasia nodulare ileale linfoide, colite non specifica e disordine pervasivo dello sviluppo nei bambini") fu totalmente smentito. In quei bambini non c'era iperplasia ileale linfoide, non c'era (sempre) colite non specifica e non c'erano (sempre) disordini pervasivi dello sviluppo, un vero e proprio falso scientifico. Il resto, cioè il collegamento con la vaccinazione, è un dato, potendolo dire, ancora più inesistente.

Paragone tra dati pubblicati su Lancet e dati originali registrati dai ricercatori. L'ultima colonna considera tutti i parametri che dovevano avere i bambini e confronta ciò che è riportato nello studio con ciò che è scritto nei registri: non corrisponde nulla.

Inoltre i risultati della ricerca di virus del morbillo nelle biopsie dei bambini (ricordiamo che Wakefield disse di aver trovato particelle del virus e quindi collegava i problemi intestinali alla vaccinazione) erano tutti negativi (come testimoniato da Nicholas Chadwickun collaboratore dell'ex medico) ma furono trasformati in positivi.
Soldi.

I soldi che Wakefield guadagnò tramite lo studio legale che lo finanziava non furono gli unici che l'ex medico inglese si proponeva di accaparrarsi. Non solo Wakefield aveva brevettato (brevetto numero 9711663.6, del 6 giugno 1997), casualmente, proprio un vaccino singolo per il morbillo con una sua società, lo stesso vaccino che ormai in Inghilterra non c'era più e che lui, "ovviamente disinteressatamente", consigliava al posto di quello trivalente che si usava all'epoca.

Il brevetto del vaccino singolo creato da Wakefield
Wakefield inoltre aveva in progetto di produrre un test in grado di diagnosticare la fantomatica "enterocolite autistica" (quella che, secondo lui, avevano i bambini autistici che arruolò per lo studio ma che in realtà non avevano niente). Si è calcolato un potenziale guadagno di 43 milioni di dollari, guadagni mai avvenuti perché fu posto fine al tentativo di speculazione.

Com'è finita.

Per tutto questo l'uomo giudicato disonesto e punito, fu radiato dall'ordine dei medici britannico perdendo quindi la possibilità di fare il medico (in Europa). Il suo studio fu ritirato da Lancet, la prestigiosa rivista che lo aveva pubblicato e ora Wakefield vive come un vecchio attore in pensione con fans che lo adorano tra feste e serate nella piscina della sua ricca villa, scrive libri, gira film e partecipa a conferenze in tutto il mondo. Wakefield infatti non si perse d'animo nemmeno dopo la radiazione, cavalcò l'onda dell'antivaccinismo, iniziò a girare come una star, frequentando salotti vip e buona società e diventando ricco e famoso, guadagnando proprio sfruttando quella vicenda e descrivendosi come "vittima di complotto", ripiego che lo ha fatto diventare molto più ricco e famoso di quando era un normale medico, l'immagine della sua villa con piscina e cascate in Texas è un ritratto di come l'essere stato esempio di frode scientifica, nel suo caso, è forse stata la sua fortuna economica.

L'ipotesi truffaldina di Wakefield fu comunque studiata numerosissime volte e non è mai emerso alcun dato serio che possa collegare i vaccini all'autismo. I tentativi di riabilitare Andrew Wakefield, quindi, sono banali tentativi di recuperare una figura ormai simbolo negativo nel mondo scientifico. Wakefield è stato condannato dall'ordine dei medici, escluso dalla comunità scientifica e ora è niente di più che un uomo di spettacolo che gira il mondo per raccogliere soldi e mantenere la sua più che agiata vita. Molti antivax lo vedono ancora sinceramente come un guru, è stato lui a lanciare in epoca moderna la paura dei vaccini, altri lo vedono solo come gancio per le loro trovate di disinformazione. La verità è molto più ovvia.

Wakefield ha provato a giocare sporco per i suoi interessi economici. Gli è andata male. Ma alle persone, come diceva un vecchio saggio, non è facile far capire una truffa e ci cascano volentieri più volte. Così lui continua a fare il guru e arricchirsi e altri devono inseguire il suo fantasma per evitare altri danni e per sottolineare che si possono trovare tutte le scuse del mondo, Wakefield resta l'autore di una delle frodi scientifiche più sporche, note e pericolose mai avvenute.

La cosa più interessante a livello "sociale" è che anche i gruppi antivaccinisti avevano abbandonato Wakefield nelle loro discussioni, troppo pesante, irrecuperabile, troppo negativa come figura, meglio altre facce più pulite. La mancanza però di altri appigli, l'inutile ricerca di qualcosa che potesse dimostrare che "il vaccino sarebbe il male", ha indotto molti antivaccinisti a cercare qualche scusa per riabilitarlo, per averlo di nuovo tra "i giusti", mediaticamente funzionava perché il personaggio è noto (per la sua frode) in tutto il mondo e gode di appoggi in molti ambiti.
Inizialmente, per "recuperare" l'immagine di Wakefield, tutto si basava sulla riabilitazione del suo primario, il dott. Walker Smith, radiato con lui ma poi riammesso all'ordine dei medici perché provato innocente. Ovviamente la sua riabilitazione non ha nulla a che vedere con quella di Wakefield ma qualcuno provava a collegarla. Ora si tenta la carta del complotto: Wakefield vittima di poteri forti ma è difficile immaginare una vittima di complotto dei poteri forti (come lui si descrive) che però conduce la vita di una star tra champagne e modelle e davanti alle menzogne, all'abuso sui bambini e al guadagno truffaldino probabilmente anche il tentativo di condurre tutto a un complotto è il solo modo per cercare di nascondere queste malefatte.

Fatti di questo genere sono noti e comuni in molti esperimenti scientifici, alcuni dei quali hanno originato grandissimi guadagni disonesti da parte delle case farmaceutiche (basti ricordare il caso Vioxx), l'uso di dati falsi e manipolati nella ricerca scientifica non è un inedito. Qui però nasce uno strano fenomeno. Mentre tutti, compresi gli ambienti alternativi condannano la ferocia dei ricercatori che manipolano i dati a vantaggio delle aziende farmaceutiche, in questo caso sono proprio gli "alternativi", i "complottisti" che "perdonano" se non giustificano la stessa cosa fatta da Wakefield. Ce n'è per uno studio psicologico e sociologico direi.
La sostanza però resta una, qualsiasi scusa si trovi Wakefield ha imbrogliato consapevolmente.

Basta non dimenticarlo quando per l'ennesima volta qualcuno proverà a riabilitare la sua figura, ricordiamo "disonesta e irresponsabile", a detta dell'ordine dei medici britannico.

Alla prossima.

13 commenti:

  1. Grazie, Salvo. Ogni tanto e' giusto ricordare certe cose. Fanno bene.

    RispondiElimina
  2. Le vicende di Wakefield ovviamanente le conoscevo gia', ma fai bene a ritirarle fuori, per chi per eta' o altro non le conosce, perche' non si puo' permettere che un altro (falso) medico divulghi queste caxxate.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Concordo su tutto tranne che su..."soddisfava"

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Boh, non capisco la tua puntualizzazione, Walker-Smith fu radiato per colpa di Wakefield, l'alta corte lo ha ritenuto innocente e quindi è stato una vittima del truffatore, non un complice come creduto inizialmente.

    Le accuse a Walker-Smith erano diverse e su punti diversi rispetto a quelle a Wakefield e per questo fu assolto in appello. Le accuse che il GMC gli fece erano infondate e leggendo le carte mi sembra sia giusto così.


    Per chi fosse interessato si può studiare (è in inglese) l'analisi della docente di giurisprudenza californiana Dorit Reiss che analizza la sentenza su Walker-Smith paragonandola a quella di su Wakefield.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessantissimo il link che ha consigliato di "studiare" e che in un certo qual modo avvalora un mio pensiero: premettendo che la dott.ssa Reiss non è proprio neutrale al problema (è colei che ha proposto una legge che prevedeva la creazione di un fondo finanziato dai genitori di quei bambini che non si vaccinavano per risarcire i genitori dei bambini che si ammalavano a causa di ciò!?) ha comunque sancito chiaramente ciò che segue :"Let me start by saying that anti-vaccine activists are correct when they say in comment threads that the GMC did not find that Andrew Wakefield committed research fraud. The GMC did not consider that question–those were not the issues before it. The GMC’s decision focused on the treatment of children subjected to invasive procedures without ethics approval–the Lancet 12 and the children Wakefield took blood from in the party – and on misrepresentations related to conflicts of interests and ethics approval"...cioè Wakefield fu radiato per problemi inerenti il trattamento dei bambini sottoposti a procedure invasive per scopi di ricerca e non clinici e per la circostanza di non aver contattato il comitato etico e simili... sembra che non si parli della validità scientifica della ricerca... la stessa base scientifica sembra non venire intaccata neanche dal Lancet che alla fine ritirò l articolo solo per la conclusione (correlazione presunta tra vaccino mpr, malattie gastro-intestinali e autismo) che metteva a rischio la salute pubblica (il Lancet si dissociò dalla conclusione, praticamente, a causa delle implicazioni sulla salute pubblica dato il calo di vaccinazioni trivalenti in USA e UK). Wakefield non dimostrò nulla alla fine, ma a prescindere dalle modalità di ricerca (magari è un nuovo Mengele!), pubblicò una ricerca valida che secondo lo stesso relatore lasciava presumere delle correlazioni non comprovabili in maniera definita tra vaccino Mpr e autismo data l esiguità del campione utilizzato ma da approfondire magari in ricerche successive da parte di colleghi che operavano nel suo medesimo campo di ricerca (questo era il suo augurio!). Anche Richard Horton direttore del Lancet confermò questa validità alla fine... tutto qui

      Elimina
  7. sembra che non si parli della validità scientifica della ricerca

    Ovvio. Il GMC (come gli ordini dei medici di tutto il mondo, Italia compresa) NON sono organismi scientifici ma amministrativi e normativi. Perché riporti le frasi a metà e come ti fa comodo? The GMC did not consider that question: il GMC non ha per niente esaminato la veridicità di quei dati.
    Gli ordini non possono entrare nel merito scientifico di una ricerca (e ci mancherebbe) e non avrebbero potuto MAI radiare Wakefield per presunte frodi scientifiche. Al limite poteva farlo se queste frodi fossero state dimostrate e quindi avessero rappresentato un reato "dentologico". Ma questo non è successo.

    pubblicò una ricerca valida

    Ma proprio per niente. :D
    Hai "dimenticato" di copiare il seguito di quell'articolo (sbadatello che sei):
    -->Our knowledge of Wakefield’s problematic research practices comes from elsewhere

    Ciò che ha combinato Wakefield nello studio proviene dalle carte di Deer (che ho riportato in questo post), dalle testimonianze di Fiona Godleee e Nicholas Chadwick (che ho pure dimenticato di ricordare nel post, lo aggiungo), assistente di Wakefield. I dati dello studio sono FALSI. C'è poco da cercare il pelo nell'uovo ed è inutile che fai selezione delle cose che leggi, non ti stai comportando onestamente (vabbé, che lo dico a fare ma per un attimo pensavo fossi un commentatore normale).

    A prescindere dall'aspetto etico o morale, a prescindere dai problemi deontologici, dal conflitto di interesse e dal fatto che quella ricerca NON dimostra né lascia supporre un legame tra vaccini e autismo, Wakefield falsificò i dati e c'è prova di questo, ufficialmente.

    Non è che se una cosa non ti piace puoi cambiare la realtà, questo è e questo resta, un truffatore.
    Punto (anche per te perché mi sa che ti sei fatto scoprire) ;)

    Saluti.

    RispondiElimina
  8. Il problema è che non ipotizzate minimamente che alcuni aspetti della ricerca siano stati basati su dati condivisibili, sebbene gestiti probabilmente (ci sono sentenze) in modo illecito.
    Dire che i vaccini non causano l'autismo è giusto, perchè non è provato scientificamente. Dire che i vaccini fanno solo bene è scientificamente sbagliato.....Quindi cari medici cominciate a studiare invece che accettare la dottrina in modo assoluto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi cari medici cominciate a studiare

      Io ho studiato medicina 11 anni (e continuo a farlo), presumo lei possa dire altrettanto per dirmi come fare il mio lavoro. Detto questo, oltre a non aver mai scritto che i vaccini farebbero "solo bene", mi dica una cosa qualsiasi, esistente sul nostro pianeta, che faccia "solo bene".

      Capirà che discutere su queste basi è assolutamente inutile, se lei ha la convinzione di conoscere meglio di me un argomento medico che posso dirle? In bocca al lupo e saluti.

      Elimina
    2. In effetti le cose più divertenti o fanno male o sono immorali ....

      Elimina
  9. Gentile Salvo,
    per caso ti sei interessato alla vicenda della Ostetrica licenziata per non aver fatto il vaccino trivalente: https://www.ilrestodelcarlino.it/macerata/cronaca/ostetrica-licenziata-ministro-salute-1.4568154 ?

    Secondo te é possibile non risultare immuni anche se si ha contratto la malattia?
    Al di la del fatto che non comprendo perché una che non si dichiara no-vax preferisca perdere il posto di lavoro piuttosto che fare un semplice richiamo.

    RispondiElimina
  10. per caso ti sei interessato alla vicenda della Ostetrica licenziata per non aver fatto il vaccino trivalente

    Solo come notizia di cronaca, non ho mai approfondito.

    Secondo te é possibile non risultare immuni anche se si ha contratto la malattia?

    Se si è avuta la malattia si è immuni (se la malattia provoca immunità). C'è chi è convinto di aver avuto la malattia ma ricorda male (perché magari è un racconto dei genitori poco preciso o sono ricordi sbiaditi).

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!