mercoledì 25 settembre 2019

Homeokiller 1

L'approfondimento e lo studio della ciarlataneria in medicina possono essere un esercizio interessante. Ovviamente, dopo i primi anni di "analisi" e di semplice curiosità, ho cercato di guardare altri aspetti del fenomeno, ho approfondito non solo il lato medico o i trucchi dei ciarlatani (che a questo punto ritengo di aver approfondito tantissimo) ma anche altre cose. L'aspetto psicologico (i pazienti, le persone, perché ci credono, cosa pensano), quello sociale (perché si vendono ancora amuleti, perché negli anni 2000 c'è ancora chi crede ai guaritori), quello economico (le ciarlatanerie non hanno grande peso nel nostro sistema economico, perché fanno scalpore?) e tanto altro. Diventa un esercizio curioso, interessante, stimolante e soprattutto fa vedere il problema da altri punti di vista, in certi casi mi sento quasi un archivio vivente, tante ne ho lette e viste in questi anni. Qualcuno addirittura sostiene che non avrebbe senso smentire pratiche come l'omeopatia, troppo facile, nessuna difficoltà a smontare una "cura" a base di caramelle senza principio attivo. Probabilmente è così. L'argomento, ormai noto, non meriterebbe tanta insistenza e perseveranza.
Ma io insisto.

Perché proprio l'omeopatia, stupida, facile, mi sembra un esempio di come si possa prendere in giro la gente con piccoli trucchi, con la pubblicità e i giochi di parole. Se ci sono ancora persone che credono agli oroscopi e all'omeopatia come possiamo pensare di diffondere una cultura su argomenti molto più difficili e tecnici? E come possiamo spiegare i trucchi ben più complessi delle grandi aziende farmaceutiche?
La medicina, nonostante sia stata letteralmente la salvezza dell'umanità, ha tanti limiti e difetti. Ha il fattore umano che può inquinarla con la disonestà, la voglia di denaro o l'incompetenza (o il semplice errore) però ha indubbiamente migliorato la nostra qualità di vita, ci ha dato vantaggi, successi e salvezza, bisogna migliorare, sempre ma come possiamo migliorarci se stiamo ancora discutendo di quanto valga una "cura" fatta di caramelle di zucchero?

Reputo per questo l'omeopatia talmente banale come argomento che mi sembra un caso perfetto, esemplare di falsa cura spacciata per medicina. Con l'aggravante che questa gode di grandi appoggi anche a livello istituzionale. Così, anche se cerco di parlarne meno, a volte assisto a spettacoli incredibili, curiosi e tutti provenienti da questo mondo fantastico fatto di caramelle magiche, poteri misteriosi e .

Qualche giorno fa mi è stato segnalato un interessante post sul blog di un medico omeopata.
Lo conosco (virtualmente) perché da anni mi attacca, insulta, aggredisce, si sfoga con la bava alla bocca perché è arrabbiato con chi critica l'omeopatia, con chi spiega che è semplice acqua fresca e che, secondo lui, mette in crisi il suo lavoro. Io sono spesso uno dei bersagli dei suoi insulti.

Questo medico, tempo fa, in uno dei suoi infiniti sfoghi violenti contro il sottoscritto, disse che io scrivevo contro l'omeopatia perché non avevo pazienti e quindi avevo tanto tempo libero, così lo impiegavo criticando le pozioni omeopatiche.
Pensate che contorsione mentale, che attacco personale, che lamentoso dispetto infantile.
Essendo un medico ospedaliero non c'è (purtroppo) modo per me di avere poche pazienti, lavorando in un ospedale pubblico curo chi arriva, fossero una o cento e, di certo, il mio tempo libero è poco.

Però lo sfrutto come mi piace, scrivendo, dormendo, giocando, ridendo. Sicuramente non devo darne conto a nessuno, nemmeno agli omeopati nervosi (che evidentemente non hanno benefici dai tranquillanti omeopatici).

Così dopo quella valanga di insulti e il riferimento al mio tempo libero pensai di aprire un nuovo blog, quello su "Le Scienze", tanto che intitolai il primo post "Salute, bugie e tempo libero", facendo riferimento alle poco eleganti insinuazioni del rilassato omeopata.

Nel frattempo le cose per il tranquillo omeopata non si mettevano bene e il suo blog, ospitato nelle pagine di un quotidiano on line, fu chiuso e lui fu costretto a farsi un sito personale, frequentato soprattutto da suoi amici e omeopati come lui. Un ottimo modo, credo, per passare il suo tempo libero del quale, a me, non importa più di tanto.
Mi dimenticai del personaggio, niente di interessante ma qualche giorno fa mi segnalano un suo post, intricato, complicato e preoccupante.
Il pensiero omeopatico si è fatto molto più ingarbugliato, psicotico, violento.

Il motivo per cui critico l'omeopatia, come racconta nel post che mi hanno segnalato, ora sarebbe opposto: non sarebbe più dovuto alla mia mancanza di pazienti e al mio troppo tempo libero ma dal fatto che Big Pharma e la plutocrazia della medicina finanzia, paga, appoggia, le critiche contro l'omeopatia, un sistema organizzato: l'omeopatia (che ricordo, sono normali caramelle di zucchero) sarebbe tanto potente che le multinazionali pagherebbero tante persone (tra le quali il sottoscritto, evidentemente) per demolirla.
Ci sarebbero gli estremi per una bella querela non omeopatica ma come faccio a denunciare un medico, un professionista che blatera cose del genere? Come si può? Qui il livello è da scuola elementare. C'è solo da compatire, auguro al collega tempi migliori.

Però il triste sfogo dell'omeopata è da rendere pubblico. Almeno per far capire chi è un omeopata, che argomenti usa, di cosa parla e come si spiega il crollo di successo della sua medicina immaginaria.

Ora non sarebbe più (solo) colpa mia (e di Burioni, ovviamente ora c'è anche lui) se l'omeopatia sta scomparendo e gli omeopati sono visti come fossero i maghi medievali delle caricature ma c'è tutto un sistema dietro.
La plutocrazia (ha scritto questo!), i poteri forti, l'immancabile Big Pharma e i soldi, tanti soldi. L'omeopata complottista immagina grandi trame e organizzazioni che tutto comandano. Così mentre chi vede le scie degli aerei e non conosce la dinamica dell'atmosfera immagina aerei neri che spargono scie di veleno in tutte le città, l'omeopata che non capisce perché nessuno vuole più zucchero per curarsi pensa ai poteri forti che, a suon di soldi, pagano emissari che sparlano in giro della "medicina delle caramelle". Essendo inconcepibile una presa di coscienza delle persone, pensa subito al "grande fratello" che condiziona tutto.
Potrei sfidare l'irascibile omeopata a dimostrare, dati alla mano, che esista una sola azienda che mi abbia pagato per criticare le caramelle curative facendogli fare una figuraccia mondiale ma ne varrebbe la pena? Ma dai, ci sono cose più importanti nella vita.
Usiamo questo poco elegante sfogo dell'omeopata come caso da manuale.
L'articolo infatti è di una contorsione mentale e di un complottismo senza fine, estremo, pieno di link a siti di bufale, pagine di blog anonimi e complottistici, sembra il post di un ragazzino ingenuo che crede agli alieni e leggerlo è inquietante ma anche noiosissimo talmente è banale e a circa tre quarti ho interrotto, troppo scontato.
Questo equilibrato omeopata dice che c'è tutto un sistema creato ad arte, organizzato per distruggere l'omeopatia perché questa farebbe risparmiare i pazienti e perdere le case farmaceutiche, troppo rischiosa. Il lieto collega poi conclude con una domanda classica:

"Domanda: SE L’OMEOPATIA fosse una bufala, un raggiro ed fosse ormai sulla via del declino e sempre meno gente si curasse con i farmaci omeopatici, come sostiene questa campagna diffamatoria, perchè investire tutte queste risorse e capitali per distruggerla se è già moribonda?"

Ragionando così io potrei sostenere: "se gli omeopati dicono che l'omeopatia è un continuo successo sempre più usato, perché il collega sostiene che i poteri forti la stanno mettendo in crisi?".
Livello seconda elementare dicevo. Siamo lì.
L'omeopatia è criticata, è definita una bufala semplicemente perché è vero.
Niente altro: è una bufala, pericolosa e irrispettosa per le persone.
Non c'è nessuna risorsa investita per demolire l'omeopatia. Io non ricevo nessun finanziamento, né da Big Pharma né da altri, sono uno stipendiato dallo stato (e quindi anche da lui! Oddio!). Io dico che l'omeopatia è una bufala perché è una bufala. Niente di più.

Fa quindi un po' tenerezza l'omeopata che si chiede ingenuamente il motivo misterioso di tanti attacchi a chi dice di curare le malattie con le caramelle e nella sua adolescenziale ingenuità non pensa al motivo più semplice e ovvio.

E pensate, questo sistema sarebbe organizzato dalle aziende farmaceutiche che pagano i congressi, le riviste, le ricerche e i medici ma il nostro amico dimentica che anche l'omeopatia è prodotta da aziende farmaceutiche, che pagano i congressi, le riviste, le ricerche e gli omeopati.
Il gioviale omeopata però ha la sua soluzione.
L'omeopatia "fa paura" (😂) ed è per questo che "i plutocrati" [persona che, per la sua elevata posizione economica, esercita un’influenza determinante sulla vita politica e sociale] (io sarei uno eh?) la vogliono distruggere ma basta organizzarsi e tutto sarà ristabilito.
Non sto scherzando. Questo non è un ragazzino brufoloso in preda a ribellione adolescenziale, è un medico.

Allucinante.

Va bene.
Niente di nuovo. Di personaggi strani, guaritori e truffatori che mi accusavano di essere pagato ne ho incontrati tanti (tutti più o meno finiti male ma è un'altra storia).
Una cosa che non meritava nemmeno un post, tanto è stupida e ovvia. Il complotto mondiale era prima appannaggio dei più estremisti e visionari ma ormai non mi stupisco più di niente.
Stavo per chiudere la pagina quando lo sguardo cade sul primo commento al post.

L'articolo si chiama "La strategia HOMEOKILLER ovvero come la plutocrazia vuole distruggere l’Omeopatia", sì, la strategia "homeokiller" e sapete chi ha commentato?
Una certa Maria Gloria Alcover Lillo, omeopata nota per essere stata condannata a tre anni di reclusione e tre di interdizione dalla professione per omicidio colposo. Per aver "curato", assieme ad un'altra omeopata (anch'essa condannata) con le caramelle una povera donna che aveva un tumore.

L'Alcover, secondo il tribunale: "È venuta meno ai fondamentali doveri della professione medica, infliggendo consapevolmente grandi sofferenze alla paziente e cercando di ‘coprire’ anche l’altra collega, senza mai assumersi le proprie responsabilità"
Homeokiller.

Sulla vicenda dell'omeopata condannata per aver "curato" un tumore con le caramelle ci tornerò, è un dramma ma vale la pena conoscerlo.

Dobbiamo essere uniti, dice la condannata per omicidio all'omeopata complottista

È tutto imbarazzante, non trovate?

E il collega pensa alla plutocrazia, a Di Grazia e Burioni, che lui immagina non dormano la notte (anche perché dormire in un materasso pieno di dollari non è comodo) pensando al nuovo metodo per distruggere la pericolosa omeopatia, medicina dell'ottocento che rappresenta oggi il nulla, lo 0,7% di quanto si vende in farmacia (dati ufficiali Federfarma 2018), che vende meno di profumi, pannolini, creme idratanti e fazzolettini, caramelle senza sapore ma secondo l'omeopata minaccia principale e fondamentale nella medicina di oggi. Non esistono poteri forti contro i fazzolettini o gli assorbenti ma c'è tutto un sistema, per il mio amico omeopata, contro le caramelle omeopatiche.
Davvero preoccupante (per i poveri fazzolettini, ovviamente).

Ognuno però è libero di curarsi come vuole, ognuno è libero anche di non curarsi. Come ognuno è libero di dire di curare con le pozioni, l'aglio, i riti magici o le preghiere. Dobbiamo essere liberi, anche il collega è libero di immaginare complotti e che, dietro alla banale considerazione che lo zucchero non sia una cura ci siano milioni e banche svizzere (libero di pensare anche che le aziende che producono omeopatici siano invece missioni caritatevoli di beneficenza).

Ma le istituzioni, quelle civili, politiche, mediche e di ordine pubblico, non dovrebbero permettere che esistano persone che consigliano truffe vere e proprie sulla salute.

Per me cambia poco se una persona si curi o meno con le pozioni magiche, mi dispiace umanamente , per principio e come medico ma non è fondamentale per la mia vita. Però una nazione civile dovrebbe proteggere i propri cittadini da queste truffe. Se c'è un caso di danno va punito e risarcito ma anche chi promuove, pubblicizza e diffonde queste, diciamolo chiaro, cretinate, va richiamato. Non è possibile sopportante i ragli e le baggianate da parte di chi dovrebbe attenersi a scienza e coscienza.
Il collega quindi può arrabbiarsi quanto vuole, il mondo va avanti, la medicina progredisce e non è offendendo gli altri che per magia lo zucchero curerà le malattie.

Caro collega che ti arrabbi con me, il problema è tuo, non mio.
Risolvilo.

Nella seconda parte dell'articolo racconterò proprio la storia della donna malata di melanoma che due omeopate (una quella che ha commentato l'articolo di cui parlo) hanno "curato" amorevolmente. Tutto sulla base delle carte del processo che le ha condannate.
Homekiller, però veramente.

Alla prossima.

33 commenti:

  1. le istituzioni, quelle civili, politiche, mediche e di ordine pubblico, non dovrebbero permettere che esistano persone che consigliano truffe vere e proprie sulla salute.

    Va in grassetto.

    RispondiElimina
  2. Quando fai presente ad un farmacista che le medicine omeopatiche non sano medicine e non curano nulla e ti senti rispondere "la gente me li chiede e io le vendo" cominci a capire che il problema è proprio quello.
    In farmacia non dovrebbero esserci "farmaci" omeopatici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quel che dico da tempo: i farmaci possono essere venduti SOLO dalle farmacie?
      Giusto.
      Le farmacie vendono SOLO farmaci.

      Elimina
    2. Le farmacie vendono pannolini e caramelle. Incidentalmente, con i tempi dei rimborsi del SSN mi sembra perfettamente giustificato. Il problema è che spesso li consigliano pure.

      Poi una volta ho assistito ad una scena surreale. Un cliente chiedeva aiuto al farmacista, perché voleva un rimedio omeopatico che funzionasse, quelli che aveva provato non gli avevano fatto assolutamente nulla.

      Elimina
    3. Questa è da scenetta da film comico!!

      Elimina
  3. Tra farmacisti che, a una richiesta di vaccino antinfluenzale, rispondono proponendo palline di zucchero a cui hanno passato accanto, ma non troppo vicino, fegato lisato di anatra muta e medici che prescrivono l'ultimo integratore illustrato dall'informatore di passaggio, a volte ci si vorrebbe rivolgere al medico di qualche serie televisiva, ma di quelle a lieto fine. 8:))

    RispondiElimina
  4. Complimenti per essere arrivato a leggere 3/4 della solita pappardella complottista. Ho desistito dopo 20 righe, lette una parola sì e tre no.
    Poi, la vignetta.. che per un diversamente intelligente è oro colato: "Questa roba può curare qualunque malattia, è economica e la possiamo dare a tutti per due centesimi".
    Già che le sparano grosse, potevano anche scrivere che aiuta ad arrestare il cambiamento climatico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come commento alla vignetta metterei la foto dell'oscillococcinum venduto a 20 euro per 30 dosi. Ma non erano 2 centesimi?!?

      Elimina
    2. Eh, già, perché il prezzo non è omeopatico?

      Elimina
  5. "Così, anche se cerco di parlarne meno, a volte assisto a spettacoli incredibili, curiosi e tutti provenienti da questo mondo fantastico fatto di caramelle magiche, poteri misteriosi e ."

    Questa frase palesemente è incompleta, immagino sia stata cancellata un'ultima parola.

    RispondiElimina
  6. Una volta un farmacista onesto mi ha detto: "Io nella mia farmacia purtroppo vendo prodotti omeopatici, so che non fanno nulla ma devo campare. Il mio lavoro mi piace sempre meno, perché siamo sempre piú commerciali e sempre meno scientifici, ma oggi va cosí. E pensare che una volta ho dovuto persino ordinare un prodotto omeopatico per mia moglie! Le ho detto mille volte che non serviva a nulla, ma gliel'avevano consigliato, lei ha insistito, ha insistito... alla fine gliel'ho dovuto prendere per quieto vivere".

    RispondiElimina
  7. Il prodotto omeopatico andrebbe venduto come le barrette di cereali o le Zigulì. Invece lo si definisce "medicinale" (o "rimedio"), lo si regolamenta scimmiottando le leggi sui farmaci (quelli veri) e lo si prescrive. Insomma: lo si riveste con un velo di "ufficialità" che disorienta.

    RispondiElimina
  8. Ho letto il profilo di questo medico: appena laureato si è gettato a capofitto nell'omeopatia come studente e poi come docente. Righe e righe di Grandi Cose senza base scientifica. Un mercato che si sostiene da sé. E se provasse ad essere un buon medico di base? Come può esercitare ed essere pagato un medico che sputa, non solo veleno, contro il sistema di cui è dipendente? Quanto alla scuola di cui è socio fondatore non è dato sapere alcunché riguardo i programmi, mentre l'importo annuo e l'IBAN per i versamenti è lì a disposizione. Sembra una dichiarazione d'intenti...

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Grazie mille per i suoi articoli, sempre precisi e sopratutto basati su regole scientifiche e non fandonie come quelle omeopatiche.

    Non sono d'accordo però quando afferma che "Ognuno però è libero di curarsi come vuole, ognuno è libero anche di non curarsi".
    A meno che non stiamo parlando di eremiti o di chi professa la vita di clausura, non si ha (o non si dovrebbe avere) questa libertà, visto che il non curarsi influisce necessariamente sulla salute degli altri con cui (purtroppo) si relazionano questi individui.
    Non entro poi in merito ai costi che il "non curarsi" o "curarsi con le caramelle zuccherate" comporta per la comunità.

    Il mio è solo un appunto, chiaramente.
    Grazie ancora per gli articoli e le battaglie che sta portando avanti e che sicuramente gli ruberanno del tempo prezioso.

    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece io ritengo sacrosanto il diritto di ognuno a scegliere come e con cosa curarsi. Persino di non curarsi. L'unico proprietario del corpo è chi lo possiede e lui decide (in condizioni normali).
      Ovviamente la cattiva informazione, le false cure e le istituzioni che le favoriscono non fanno un bel servizio alla libertà, perché danno attendibilità a cose come l'omeopatia (e peggio).

      Elimina
  11. vedo che citi l'aglio
    cos'hai contro l'aglio?
    previene da molte infezioni!

    tenendo lontane le persone che potrebbero infettarti :)

    RispondiElimina
  12. comunque, in un libro edito dall'American Chemical Society (quindi appartenente alla plutocrazia) sulla medicina popolare nel mondo c'è un capitolo dedicato all'aglio, interessante
    Strano che non lo vendano :)

    il capitolo termina, più o meno, .. se non fosse per problemi di ordine sociale ecc. ...

    RispondiElimina
  13. Sinceramente, mi sono sempre chiesto perché l’omeopatia continui a sopravvivere alle prove dei fatti che la sbugiardano. Evidentemente, tocca due cose. Una è l’oscurità dell’inconoscibile e nell’oscurità si rubano i portafogli e si toccano le terga alle ragazze. Due è l’amor proprio. In entrambi i casi non si è mai fatta scienza.
    E come mai?
    Se volete sprecare un po’ di tempo a verificarlo, vi consiglio di leggere la risposta articolata, rispettosa, corretta, garbata e onesta intellettualmente, data da J Maddox al Benveniste su Nature (di cui ogni tanto si celebra la reincarnazione) in quel lontano 1988 e quale poi è stato l’attacco del Benveniste e di tutto il mondo omeopatico: feroce, aspro, senza appello, irrispettoso e…disonesto.
    Modestamente, con il grande Edzard Ernst, condivido la bella avventura del “fuoriuscito”. E come mai? Beh, ho cominciato a verificare se l’acqua liquida avesse proprietà fisiche interessanti da spiegare non gli insulsi esperimenti di Benveniste ma un tipo di informazione meta molecolare, su cui credeva Brian Josephson, Nobel per la fisica 1973. Ovviamente, erano più che altro curiosità accademiche. Poi vidi che sugli esperimenti c’era un forte bias, un preconcetto iniziale che viziava la statistica, metodi approssimati e rudimentali, tanta arroganza, il fine di fare bella figura con la ditta omeopatica finanziatrice di turno. Me ne sono andato sbattendo la porta. E dicendo al mondo cosa non funzionasse.
    Ne ho conseguito persecuzioni e denunce.
    Ma, almeno oggi, sono libero.
    Uscire dalla stretta culturale dell’anaconda che è il pensiero omologante, è diventata più materia da supereroi che da gente comune, tanto ti mettono il bastone tra le ruote.
    E che cosa vai ad intaccare?
    Il solito
    Interessi personali.
    Tutto (banalmente) qui. Nient’altro.

    RispondiElimina
  14. Il mondo delle pseudoscienze è affascinante, è come sirene suadenti che ti attirano. Si esplora l'inesplorato, si fantastica, si spera.
    Poi ci si scontra con la realtà. A quel punto ci sono due reazioni.
    Quella testarda, infantile, senza sbocchi, dell'insistere su una via ormai abbandonata. Quella razionale, matura, da scienziato, di trovare strade migliori.

    Ognuno scelga per la sua vita ciò che vuole. E sì, sicuramente chi si libera dalle catene della superstizione è libero e dorme pure sonni tranquilli con la propria coscienza.
    E confermo, non c'è niente di strano, sono solo soldi. Comuni, banali, non omeopatici soldi.

    RispondiElimina
  15. Ma quando l' universita' organizza un master in omeopatia, la vedo dura, molto dura spiegare alla gente che l' omeopatia e' una stupidaggine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Sono cose che periodicamente succedono. Negli anni '60 i parapsicologi entrarono, tra le polemiche, nell'American Association for the Advancement of Science.

    RispondiElimina
  18. Si. Ma poi le spiegazioni ai pazienti sull inutilita' dell' omeopatia le devo dare io.Non il Mgnifico Rettore dell'Universita. Dovendo peraltro smentire l' autorita' accademica

    RispondiElimina
  19. Domanda: se l'omeopatia non fosse una bufala che ci vorrebbe a dimostrare dati alla mano, in maniera incontrovertibile che funziona?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio stare nel dubbio, così possono continuare a vendere

      Elimina
    2. Ti rispondo meglio : non si può dimostrare, al massimo si può forzare un esperimento o la lettura di alcuni dati per ottenere una conclusione gradita. Che è quel che è stato fatto finora. In duecento anni di omeopatia, nessuno ha trovato una prova valida e incontrovertibile e dubito ci riusciranno più. Per cui a loro conviene rimanere in una zona grigia, lasciare la gente nel dubbio e convincerli che l'omeopatia sia una valida alternativa. Uno degli argomenti più comuni é: non fa male, conviene provarla.

      Elimina
    3. Argomento che, in realtà, è la spia di una debolezza: per quale magia un rimedio efficace - anzi tutta una classe di rimedi - dovrebbe essere esente dalla regola generale che ogni rimedio ha effetti collaterali, piccoli o grandi?

      Elimina
  20. Molto civilmente i commenti nel blog del signore omeopata devono essere approvati per essere pubblicati.
    Certo che per chi parla di censura è oscurantismo... Non è il massimo!

    RispondiElimina
  21. La cosa che mi colpisce di più è che nella bella e ricchissima Verona, con una bellissima Università che è tra le poche che ha un comitato etico, si permetta questa legittimazione delle palline di zucchero.

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!