mercoledì 10 giugno 2020

I calzini fucsia di Burioni.

In questi giorni la cronaca parla spesso del prof. Burioni. Lo conoscete, giusto?
Bene, secondo vari articoli di giornale Burioni farebbe cose strane, non è spiegato chiaramente ma si capisce che c’è qualcosa che non va.
Conflitti di interesse ma nessuno spiega bene di che tipo, cose stranissime come il fatto di dare il suo parere su argomenti dei quali è competente, scandali assurdi come quello di farsi pagare per il suo lavoro, insomma succede quello che gli inglesi chiamano “character assassination”, ovvero se vuoi fare fuori una persona (non fisicamente, ci mancherebbe, come personaggio, per scopi politici, personali, invidie), demoliscilo, massacralo. Pubblicamente.
Anche se non c’è motivo, fallo fuori per l’opinione pubblica. Fare un servizio nel quale un virologo è accusato (con ovvia musica drammatica in sottofondo) di aver partecipato a convegni sui vaccini e sarebbe per questo a favore delle vaccinazioni, é una stupidaggine immensa, spiegabile o con l’ignoranza o con la malafede. Io appoggio la vaccinazione contro l’HPV (il Papillomavirus) e sono stato a vari congressi sull’HPV. Mistero? Complotto? Guadagno? O semplicemente si tratta di ciò di cui mi occupo? Dovrei andare ai congressi sulle distorsioni della caviglia?

Ricordate qualche anno fa quel telegiornale nel quale seguirono e filmarono di nascosto un magistrato per poi rivelare che portava degli orrendi calzini color turchese? Ecco, una cosa del genere.

Intendiamoci, io non ho motivo per difendere Burioni, anzi, chi mi segue, sa benissimo che avrei tanti motivi (il nostro scontro é stato pubblico) per assecondare l’assalto alla diligenza ma credo che in mezzo a tanti difetti ho un pregio a cui tengo tantissimo perché ereditato dai miei genitori: sono una persona onesta. E da persona onesta resto senza parole per quello che (certi) giornali e (certe) trasmissioni televisive stanno cercando di fare.

La strana capigliatura di Roberto Burioni. Che sicuramente ci nasconde qualcosa.

Quando ti metti contro qualcuno gli rompi le scatole. Spesso, peggio ancora, gli rompi i guadagni. Il fatto che lui si sia messo contro gli antivax, gli omeopati e i ciarlatani ha rotto le scatole e i guadagni a tante persone. Sono soldi.
Gli antivax raccolgono soldi, fanno gruppo. Soldi.
Gli omeopati anche, hanno ditte, aziende, interessi. Soldi.
Pure i ciarlatani, vendono pozioni, cure, miracoli, guadagnano da queste cose. Soldi.
Arriva uno che poteva stare bello tranquillo dietro la cattedra e si fa i fatti degli altri? Massacriamolo. Diciamo in giro che fa cose proibite, anche se proibite non sono. Diciamo che quello che fa, permesso e legale, é brutto e cattivo. Parliamo dei suoi calzini gialli, rossi o fucsia. Fucsia meglio.

Tanto la gente si ferma al titolo e si creerà quell’immagine negativa, antipatica che così lo toglierà di mezzo. Lo dico non solo perché è evidente ma anche perché in tutte quelle cose delle quali accusano violentemente Burioni non ce n’è una (dico una) che mi sembri uno scandalo e chi fa queste cose dovrebbe vergognarsi.
Queste cose le ho provate, ci hanno provato anche con me. Prima insultano, minacciano, provano a farti paura e quando non riescono sguinzagliano i media.
Con me ci avevano provato ai tempi di Stamina e anche in altre occasioni
Avevano quasi tutta l’opinione pubblica a favore, figuriamoci, i bambini che soffrono e tu parli male di una presunta cura definitiva?
Solo un pazzo poteva attaccarli. Poi hanno mollato quando l’opinione pubblica si è spostata al lato opposto, contro i ciarlatani e così anche i media si sono messi di chi attaccava la falsa cura, poi bollata come truffa.
Allora un consiglio.
Quando leggete che una persona è brutta e cattiva, chiedete perché, informatevi bene, quella persona potrebbe anche essere bella e buona ma pericolosa per i veri cattivi.
Demolire qualcuno può fare piacere se quella persona vi fa antipatia, se non la sopportate ma è ingiusto, sbagliato, scorretto, pericoloso. Immaginate se qualcuno lo facesse con voi. É un gesto violento e grave, bullismo.
E spesso sono proprio i bulli a farlo.

Con chi è migliore di loro.

Alla prossima.

107 commenti:

  1. Ottimo articolo che apprezzo pienamente e per questo segnalo un piccolo refuso un "di" da sostituire con un "con":
    anche i media si sono messi DI (con) chi attaccava la falsa cura, poi bollata come truffa.

    RispondiElimina
  2. Un bellissimo pezzo.
    Complimenti Salvo.

    RispondiElimina
  3. Sono assolutamente d'accordo. Ci sarebbero tanti "mandanti" ma mi chiedo, esattamente di chi si tratta? Possibile che le iene abbiano tanti mandanti quante tutte le cretinate su cui costruiscono servizi indecenti da anni? Oppure è semplicemente un giornalismo ignorante, cafone e volgare che va solo alla ricerca di clickbait televisivo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. decisamente la seconda. e se ci pensi non hanno bisogno di mandanti, perche' con quel genere di servizi si assicurano di fidelizzare un pubblico che crede a scie chimiche e morgellons, a tutto vantaggio del loro share (e della pubblicita' mandata in onda durante il loro show)

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo su tutto, quello che fanno i media non è più informazione, ma è un gioco al massacro di chi in quel momento sta toccando il "portafoglio" di qualcuno. Una sola osservazione: i capelli del prof Burioni non sono il massimo, ma lei ha scelto una foto in cui sembra appena alzato dal letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scelta apposta e con ironia, proprio per mostrare come si possano scegliere persino le immagini giuste se vuoi creare il caso. Non lo scopro io.
      Non ho nulla da dire sulla capigliatura di Burioni, ognuno ha la su.

      Elimina
  6. Sì ma seguendo e stimando entrambi non capisco su cosa possa esservi stato scontro

    RispondiElimina
  7. Ricordo bene il litigio in questione. È stato un po' come quando i tuoi genitori litigano e tu non sai da che parte stare.

    RispondiElimina
  8. Ottimo articolo.
    E visto il vostro scontro avresti tranquillamente potuto tacere. Invece hai parlato. Chapeau.
    Aggiungo solo che in questo momento Burioni è la vittima più famosa di questo metodo, ma non certo l'unica.

    RispondiElimina
  9. Un articolo magistrale, grazie infinite

    RispondiElimina
  10. Salvo, ti riconfermi persona buona e di eccezionale spessore morale.

    RispondiElimina
  11. Prof. Di Grazia è una gran bella persona, oltre ad essere un professionista serio e preparato. Graaie

    RispondiElimina
  12. Sono d'accordo con lei
    Complimenti per il suo scritto.

    RispondiElimina
  13. Sono d'accordo con ogni cosa, ma i calzini del giudice Mesiano erano turchesi...

    RispondiElimina
  14. Tanti complimenti per questo articolo.

    RispondiElimina
  15. Ottimo articolo.
    Curiosità mia: quando e dove si svolse lo scontro tra voi due? E perché?

    RispondiElimina
  16. grazie per l'articolo e per la (rara di questi tempi) onesta' intellettuale che dimostri.

    RispondiElimina
  17. Chapeau.
    Ma non serve neanche dirtelo.

    RispondiElimina
  18. Ho sempre pensato che tu fossi un galantuomo, oltre che un serio professionista e un eccellente divulgatore.
    Ora mi sorge un atroce dubbio:quando hai un cerchio alla testa, è l'aureola troppo stretta?

    RispondiElimina
  19. Serio, professionale, galantuomo.

    Complimenti.

    RispondiElimina
  20. Articolo vergognoso, disonesto oltre ogni limite di faccia tosta, guardato l'ultimo video delle IENE che dice tanto anche se non tutto di ciò che si diceva di Burioni, consulenze milionarie, brevetto farmaceutici, società a prestanomi, parcelle televisive ed incarichi pubblici e privati,non manca nulla, qui si un mare di soldi, alfatti da lui, fatti da Ricciardi e che vogliono produrre profitti stellari per le industrie farmaceutiche con i vaccini obbligatori che professano, e tu non vedi quei soldi ma vedi gli spiccioli che famiglie disperate per i danni da vaccino raccolgono per difendersi da lobby industriali potentissime e mafiose e ricchissime che anche tu contribuisci a difendere, senza etica né morale e nascondendo perfino a te stesso la verità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le iene, quelli di stamina e tante altre minchiate...

      Elimina
    2. Lasciate perdere questo troll. Uno che crede che un servizio delle iene sia verità assoluta e che farsi pagare una consulenza sia reato é irrecuperabile :)

      Elimina
    3. Ascoltami, leggendo le cose che hai scritto (e come le hai scritte) non credo di poterti aiutare.
      Se ti va di leggere quello che scrivo fallo, rilassati e divertiti. Altrimenti passa avanti e continua a leggere di danni da vaccino, Bill Gates, 5G, omeopatia e Montanari, che sono probabilmente più adatti a te e ti danno spiegazioni per le cose che non capisci (anche se ti prendono in giro e ti trattano da idiota).

      Da me non troverai bugie per darti una giustificazione ai problemi della vita.
      Saluti.

      Elimina
    4. Fra l'altro, mi ci gioco tutto che questi che si indinnnniano perché Burioni (ma si può mettere un nome a caso) si faccia pagare PER IL SUO LAVORO sono gli stessi che si lamentano continuamente perché vengono pagati troppo poco e che non fanno nemmeno una virgola in più di quanto strettamente previsto dal loro lavoro.
      Infatti a tutti quelli che partono con questi discorsi, chiedo subito "ma tu lavori gratis?"... E di solito i codardi tagliano corto.

      Elimina
  21. Ma sì dai, è normale che Burioni va sulle TV nazionali e propone continuamente i suoi prodotti....io scusate ma con tutto il bene che vi voglio un un pochino di conflitto di interessi c'è ci li vedo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che prodotti vende Burioni?

      Elimina
    2. Me lo chiedevo anch'io, forse il sig. Sprazzo si è confuso con un canale di televendite.

      Elimina
  22. Burioni non mi sta affatto simpatico, anche perché parla come se la sua fosse verità rivelata. Nel caso del coronavirus ha poi preso un paio di topiche colossali.
    La prima è stata quando ha detto che non ci stava pericolo, e il virus già girava, e la seconda è stata quando ha bollato come fake news le prime divulgazioni che probabilmente l'effetto principale del virus era causare microtrombi.
    In ogni caso l'articolo fa un poco di chiarezza su una montagna di fesserie che vegono dette.
    Ciò premesso mi piacerebbe leggere un articolo in cui si faccia chiarezza, per gli stolti, su tutta la vicenda coronavirus e in particolare
    1. Che stima si può fare su quanti sarebbero stati contagiati in assenza di lockdown e altre misure preventive
    2. La storia delle autopsie che si narra, falsamente, fossero state vietate e che invece sono state fatte, mi sembra 70 nel primo mese, e che hanno aperto la strada per comprendere la faccenda dei microtrombi
    3. Se era plausibile, con le abitudini italiane, un approccio svedese
    4. Cosa ha portato a un certo punto a una sostanziale riduzione dei decessi in TI
    5. I dati sui decesdi sono attendibili, gonfiati o magari sgonfiati
    Nel frattempo ringrazio

    RispondiElimina
  23. I miei più sinceri complimenti per questo articolo!

    RispondiElimina
  24. Complimenti per l'articolo. Il servizio delle Iene non crea danno solamente a Burioni ma a tutta la comunità,mette il dubbio in testa a tanti italiani e li porta a diffidare di cose e persone. Non a caso pare che nell'eventualità che sia disponibile a breve il vaccino per covid-19 il 41% degli italiani non si vaccinerà,un numero impressionante se pensiamo a cosa abbiamo appena passato. Chi produce certi servizi o scrive certi articoli fa un danno enorme alla società.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Veramente non tutti gli altri Paesi sono stati meno rigidi di noi sulla quarantena. E alcuni che non sono stati affatto rigidi se ne sono pentiti e i politici hanno chiesto scusa alla nazione.

      Concordo che sono stati fatti degli errori, ma è anche vero che questa era una situazione senza precedenti e capire come meglio muoversi non si poteva. A questo poi s'aggiunga che gli Italiani non sono propriamente diligentissimi: devi scrivere su un cartello che è SEVERAMENTE vietato fumare e minacciare multe salatissime perché la maggior parte delle persone (nemmeno tutte) non fumi in un certo ambiente. Analogamente, è stato necessario, a mio avviso, imporre regole rigidissime (che non tutti hanno seguito) al fine di ottenere un risultato minimamente accettabile.

      Se poi la gente per "protesta contro lo Stato" decide di andare al mare senza mascherina o di non vaccinarsi, allora la gente si merita questa e altre quarantene o provvedimenti anche peggiori.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Domenico, tu scrivi "non ha nulla da perdere", ma, in realtà, potrebbero perdere la vita, la loro e quella dei loro cari.
      Non mi pare un problema trascurabile.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  25. Salvo, ti ho sempre ammirato per la costanza con cui difendi i malati dagli imbroglioni.
    Ora devo aggiungere un altro grande merito: ti spendi generosamente per difendere un collega che non era stato troppo rispettoso nei tuoi confronti.
    La mia ammirazione per te è cresciuta ancora di più.

    RispondiElimina
  26. Caro dottore, mi scuso per la cattiveria. Vorrei tornare a parlare di un personaggio che ha avuto uno scontro piuttosto forte con Burioni: il sig. Tarro.

    "Il virologo Giulio Tarro,primario emerito del Cotugno (isoló il vibrione del colera),due volte candidato al Nobel,oggi scommette la sua reputazione dicendo che tra un mese il CORONAVIRUS ci abbandonerà come tutti i corona influenzali." Dichiarazione rilasciata il 14 aprile 2020. Addio reputazione (if any), ed addio alla possibilita' di veder sfilare il prof.Burioni in passerella. Secondo me il costume da bagno gli avrebbe donato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tarro, in campo scientifico, oggi, è inesistente. Può solo darsi alle previsioni (e le sbaglia pure).

      Elimina
    2. Beh, ha sbagliato anche lei a considerarle "previsioni" perche' si tratta di "divinazioni" a tutti gli effetti. Le differenze stanno principalmente nel linguaggio (quale scienziato scriverebbe una cosa del genere?) e nell'uso dei dati.

      Casualmente ho trovato anche chi ha smentito ufficialmente la previsione di Tarro: Tarro stesso!
      Infatti ha dichiarato il 20 maggio 2020 che "in estate si potra andare al mare perche' il virus sparira'" confermando quindi che a tal data il virus circolava ancora, quindi smentendo clamorosamente Tarro.

      Ha quindi smentito una previsione facendone un'altra. Purtroppo oggi e' il 27 e siamo in estate, quindi direi che anche questa seconda divinazione (anche se stavolta si e' tenuto piu' vago) non si e' verificata.

      Aspettiamo quindi la divinazione sull'inizio dell'anno scolastico...

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. " In Italia in questo momento il rischio di contrarre il virus è zero " ha notato che NON e' una previsione, ma un dato di fatto?

      Elimina
    5. Riguardo Guerra, ha affermato che "c’è da aspettarsi una ripresa importante dei contagi per il prossimo autunno, "settembre-ottobre"", un linguaggio leggermente diverso da quello che lei ha riportato, ma che fa la differenza fra quello che uno scienziato puo' e non puo' dire

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    8. Non se se si e' accorto, ma sta accusando Burioni di esser stato non allarmista/ottimista e Guerra di esserlo stato. Ammetto il mio disagio: che devo dirle? Prima decida quale delle due riflette il suo pensiero perche', se non se n'e' accorto, sta litigando con se stesso.

      Guerra ebbe a dichiarare: "Sparendo il virus dalla clinica - ha detto - sembra tutto sia finito, ma non è così". Rispetto alla nuova categoria dei 'debolmente positivi', ha precisato Guerra, "non entro nelle classificazioni e definizioni artificiose che colleghi insigni di varie discipline possono fare. Guardo i fatti e i fatti dicono che il genoma del virus è ancora lo stesso e i fatti dicono che l'andamento di una epidemia come questa è ampiamente previsto e prevedibile. C'è una discesa che coincide con l'estate". "È vero - ha concluso Guerra - che le terapie intensive si sono svuotate, ma si sono svuotate come previsto che accadesse e non vogliamo si riempiano di nuovo in autunno. Tutte le precauzioni che stiamo prendendo hanno l'obiettivo di circoscrivere la circolazione del virus quando questa riprenderà".

      Elimina
    9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    10. Domenico, io sono d'accordo che Burioni ha esagerato con protagonismo televisivo. E' anche oggettivamente antipatico, a volte. Ma da qui a dire che e' incompetente ce ne passa. E' un professore di virologia con pubblicazioni su riviste importantissime che ha offerto un PARERE su un virus nuovo e sconosciuto, basandosi sulla propria esperienza e conoscenza. Non ha azzeccato? ci puo' stare, mica ha la palla di vetro. Un errore non lo rende incompetente. Infatti non conosco un solo medico che abbia sempre ragione: cerchiamo di sbagliare il meno possibile.

      Elimina
    11. Domenico, é esattamente quanto ho riportato: per accusarli di incompetenza, ne ha accusato uno di essere stato NON allarmista mentre ha accusato l'altro di esserlo.
      Le avevo chiesto di cercare di capire che linea intendesse seguire nel suo ragionamento, ed ora salta fuori prima accusando Burioni di aver fatto una previsione sbagliata, e poi di non aver fatto assolutamente nessuna previsione!
      In quanti siete ad utilizzare quell'account? Non potreste mettervi tutti d'accordo od utilizzare account separati?

      Tornando a Burioni: la frase che lei ha riportato é stata estrapolata dal contesto per cercare di screditarlo, per mostrare che aveva fatto previsioni sbagliate.
      Riguardi il video: ha parlato a lungo di come il virus fosse pericoloso soprattutto per le modalitá del contagio, dicendo "ha tutte le carte in regola per diventare una pandemia". Questa era la frase chiave, basata sui dati! La vuole chiamare previsione? Vede la differenza con una divinazione fatta da altri soggetti? Poi, visto che l'affermazione ha allarmato il pubblico, ha cercato di tranquillizzare,dicendo che "attualmente" (qui il suo esempio meteo) ci sono solo due casi, isolati allo Spallanzani e nient'altro. Confidava altresí che le imponenti misure prese dal governo cinese potessero funzionare.
      Disse quindi che non era il caso di allarmarsi, almeno per ora.

      La settimana dopo infatti disse: "purtroppo il virus é arrivato da noi" a seguito del verificarsi di nuovi casi. Smise quindi di tranquillizzare. Ci fu anche lo scontro con altri medici e scienziati (si ricorda quello con la Gismondo) ma non perché Burioni minimizzasse la portata del problema mentre gli altri erano allarmati: esattamente il contrario!

      Come vede, se controlla tutto il video della puntata e di quelle successive si accorge che aveva ragione lui (e solo lui): é stato l'unico a prevedere la pandemia. Ed ora lo si accusa del contrario.

      Le/Vi chiedo scusa se non risponderó piú in mancanza di nuovi argomenti da parte sua o vostra. Cercate di mettervi d'accordo se proseguire nella linea "Burioni ha fatto previsioni errate" o "Burioni non ha fatto previsioni, cosí sono capaci tutti". Sarebbe un passo avanti nella discussione

      Elimina
    12. Quanta pazienza avete tu e Angelo...

      Elimina
    13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    14. Se uscisse dalla sua piccola bolla, si accorgerebbe che TUTTO il mondo ha visto chiusure, chi non ha chiuso o ha chiuso tardi (UK, Svezia, Usa, Brasile) o ha avuto fretta di riaprire ne ha pagato o ne sta pagando le conseguenze.

      Elimina
    15. Domenico, guardi che la situazione sanitaria è tremendamente seria. E il paragone con la Spagnola del primo dopoguerra in questo frangente è calzantissimo (anzi, clinicamente il coronavirus è decisamente più aggressivo degli attuali virus influenzali circolanti).
      Per fortuna la sua intrinseca letalità non è elevatissima, ma l'estrema contagiosità unita alla pericolosità nei pazienti anziani e/o con comorbidità e la virtuale mancanza di antivirali specifici (voglio proprio vedere quanti secoli passeranno prima che sia disponibile il remdesevir nonostante la recente pronuncia dell'ema) lo rende virtualmente ingestibile se non con la prevenzione.
      È un virus che nel giro di 2 3 settimane ha saturato gli ospedali e le rianimazioni, e potrebbe tranquillamente rifarlo in autunno-inverno.
      E, in assenza di vaccino, l'unica prevenzione possibile è l'isolamento sociale.
      Si spera che come per la SARS scompaia a luglio, ma il fatto che a differenza della SARS a fine giugno sia ancora in crescita esponenziale nelle Americhe, in India, in Africa e Medio-Oriente (per altro in condizioni climatiche teoricamente sfavorevoli al virus) non promette nulla di buono.

      Elimina
    16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    17. Riassumiamo:
      - ce l'ha con Burioni perche' cercava di tranquillizzare la gente;
      - ce l'ha con Guerra perche' sta cercando di mettere in guardia la gente;
      E' corretto?
      Inoltre ce l'ha con la "dittatura sanitaria". Il tutto ovviamente senza produrre la minima prova.

      Come le chiedevo: e' in grado di produrre argomenti (non dico prove, per carita'!) nuovi e magari convincenti? Le spataffiate chilometriche, le varie insinuazioni che fa verso il sottoscritto ed altri utenti (ovviamente sbagliate) fanno punteggio in altri forum, qui vengono semplicemente saltate a pie' pari.

      Su, si sforzi. Potrebbe cominciare per esempio dicendoci:
      - cosa avrebbero dovuto dire i virologi? Perche' sa, non gradisce quando dicono una cosa ma nemmeno l'esatto contrario;
      - come avremmo dovuto affrontare l'epidemia, visto che il lockdown secondo lei e' solo una "dittatura sanitaria", qualsiasi cosa sia (cos'e' una dittatura sanitaria?)

      - Puo' fornire la mia dichiarazione dei redditi, visto che afferma "evidentemente non è stato toccato finanziariamente dalle chiusure";
      - Puo' fornire la dichiarazione dei redditi dell'utente Nicola Nobili, visto che afferma "Lei molto probabilmente è uno delle persone fortunate che non ha perso lavoro e denaro e fondamentalmente stare a casa non le è costato nulla"

      Lei continua ad affermare una cosa ed il suo contrario. La smetta. Cerchi almeno di capire che ci sono forum nei quali questa cosa e' di gran pregio, ma qui e' necessario che si chiarisca con se stesso

      Elimina
    18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    19. É notizia di oggi che Leicester é tornata in lockdown a causa di un picco dei contagi.
      Come vede, sono bastate poche ore per spazzare via i dubbi: Guerra aveva ragione a mettere in guardia su una possibile nuova ondata. É arrivata prima del previsto, e faremmo bene a prestare attenzione prima di trovarci in lockdown un'altra volta. Le regole della prevenzione e del distanziamento ormai le conosciamo, applicandole potremmo evitare di trovarci chiusi in casa un'altra volta.

      Ripensandoci... il povero Tarro - che affermava non ci sarebbe stata una seconda ondata - sembra abbia sbagliato anche stavolta. Non ne imbrocca una...che porti sfortuna?

      Mi sembra che piú che con i virologi lei ce l'abbia con la loro modalitá di comunicazione, anche se mi sembra che sia il modo tipico della comunicazione scientifica.

      Vede la differenza? Da un lato uno scienziato avverte di un possibile ritorno dei contagi (FATTI), dall'altra c'é il "terrorismo psicologico" (OPINIONI). Si tratta ancora di fatti contro opinioni.

      Come dicevano i virologi - Burioni in primis - "questa partita dobbiamo giocarcela senza vaccini e senza farmaci adatti". L'unica arma é stata quella del distanziamento e del confinamento. Non ce n'erano (e non ce ne sono tuttora) altre.
      Come é andata nei paesi che hanno provato strade diverse? Semplice: alla fine sono dovuti tornare sui loro passi, perché - conti alla mano - il numero di morti e contagiati sarebbe stato enorme. Ha dovuto fare marcia indietro persino un tortellone come Trump, e l'ha fatto in meno di 24 ore dalle dichiarazioni precedenti.

      Ancora una volta: opinioni contro fatti.
      Puó ribadire le sue opinioni ("terrorismo psicologico", "dittatura sanitaria" qualsiasi cosa significhino, non l'ha mai specificato) quanto vuole, ma non diventeranno mai fatti.

      Le ricordo inoltre che gli scienziati forniscono le previsioni sull'andamento dell'epidemia e suggeriscono possibili misure di contenimento: é poi la politica a doverle implementare. Le sue doglianze - per quanto legittime - non possono essere addossate agli scienziati che fanno il loro dovere.

      Elimina
    20. Domenico, con tutto il rispetto (e possibilmente senza storpiarmi il cognome) sta parlando senza cognizione di causa di un qualcosa di cui non è competente in materia.
      Allo stato attuale la situazione mondiale parla di 10 milioni di casi e mezzo milione di morti, con la pandemia ancora in fase di espansione in buona parte del mondo.
      Nemmeno l'hiv, negli anni 80, ha avuto un impatto così drammatico e devastante sul sistema sanitario mondiale, anche in paesi avanzati come il nostro.
      Se il paragone con la spagnola la turba così tanto per la diversa tipologia di pazienti deceduti, dal punto di vista epidemiologico e con le dovute differenze in termini di progresso scientifico, stiamo la.
      Quella che lei chiama dittatura sanitaria è allo stato attuale l'unica profilassi disponibile per ridurre l'incidenza di una malattia che con l'influenza stagionale ha in comune esclusivamente la modalità di trasmissione, non certo la sintomatologia.
      Se ne faccia una ragione.

      Elimina
    21. Ah, per non essere equivocato, mi riferisco agli esordi dell'hiv. Vorrei evitare il conto della lavandaia dei morti per aids.

      Elimina
    22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    24. Mi sono fermato all'affermazione 'in alcune regioni non c'è stata una prima ondata'.

      Devo aver vissuto in una dimensione parallela per tre mesi. Speriamo di non ritornarci prima di Natale, perché poi francamente uno si rompe pure le scatole di buttare il sangue per gente che non ha ancora capito con cosa ha avuto a che fare.

      Elimina
    25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    27. Signor Domenico forse non ha chiara la differenza tra una malattia infettiva e altre patologie che, per quanto gravi, non sono trasmissibili. Se vuole paragonare il covid-19 a qualcosa, lo faccia con la malaria, gli esempi da lei addotti sono poco calzanti. Se lei ha un tumore, un ictus, un infarto, un incidente stradale è un suo problema (e di chi la prende in carico), se lei viene infettato dal coronavirus il problema è anche di chi le sta accanto, della comunità.
      Quella che per lei può essere una bazzecola (che poi è tutto da vedere, ancora una volta non ha coscienza della patologia oggetto del contendere), raggiunge tassi di mortalità inaccettabili a partire dai 60 anni, e con andamento di crescita quasi logaritmico.
      Ora, al di là delle sue considerazioni in merito alla mortalità e all'aspettativa di vita geriatrica e sulle sue personalissime convinzioni epidemiologiche sulla diffusione della pandemia in Italia, le faccio sommessamente notare che se è auspicabile che i figli sopravvivono ai genitori anziani, non lo è certamente che tra le cause del decesso figuri l'aver contratto il virus dai propri figli o nipoti.
      I 3 mesi di vita che le avrebbe tolto lo stato equivalgono a tanti anni vita garantiti ad altri, che non hanno contratto il virus.
      Si può discutere su come e cosa chiudere, su come e dove mantenere le distanze, ma adottare strategie di contenimento era e allo stato attuale resta l'unica possibilità di contenere/rallentare la diffusione del contagio.

      Elimina
    28. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    30. Forse perché l'HIV ha modalità di trasmissione differenti, ha allo stato attuale adeguate terapie che cronicizzano la malattia, è prevenibile con un semplice preservativo e solitamente ci impiega un decennio abbondante per portare al decesso il paziente (non trattato)? E per carità di patria non richiamo pubblicità e campagne nazionali ed internazionali degli anni '80, quando di HIV non si sapeva nulla e ci si approcciava ai malati con gli stessi scafandri del COVID-19 (oddio, potrei comunque aggiungere che a tutt'oggi l'OMS ed altri stressano sull'uso di preservativo per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili).
      Domenico, io non so come dirglielo più, lei resta della sua idea (sbagliata), io resto con le mie solide certezze (cit.) perché la mia non è un'idea, visto che si da il caso, senza falsa modestia, che il Covid-19 l'ho ampiamente diagnosticato e trattato (come d'altronde tratto l'HIV e qualsivoglia malattia infettiva).
      L'infezione da SARS-CoV2 determina una patologia che, a lei piaccia o no, ha parecchie affinità con l'infezione influenzale passata alla storia come "Spagnola": determina in oltre il 90% dei casi una polmonite virale primaria severa (anche in un soggetto giovane!), attiva una cascata infiammatoria che porta ad insufficienza multiorgano e complicazione varie, è scatenata da un virus "simile" ad altri ma contro il quale il nostro organismo è totalmente indifeso, si trasmette per via aerea ed è estremamente contagioso, ha fatto un salto di specie dall'animale all'uomo. Caratteristiche comuni alla pandemia "Spagnola" del primo dopoguerra, è un dato di fatto: l'unica differenza è nella mortalità giovanile della prima, ampiamente spiegabile con le particolari condizioni del dopoguerra oltre che con l'armamentario medico di cui si disponeva all'epoca.
      Mentre lei parla di pseudo-ondata in Lombardia, ondatine al nord e qualche schizzo nelle altre ragioni, uno tsunami (per usare un'analoga metafora) si è abbattuto sul sistema sanitario italiano, saturando ospedali e rianimazioni praticamente ovunque nel giro di un paio di settimane ai primi di marzo con quadri clinici GRAVI.
      Senza la chiusura di marzo a quest'ora staremmo parlando di altro, avremmo avuto situazioni analoghe alla Lombardia, ai limiti della gestibilità (se non oltre) dal punto di vista sanitario per mancanza di personale e strutture. Probabilmente grazie alla strategia di contenimento adottata dal governo italiano ci si è limitati a 2 mesi di lockdown totale e 1 parziale, altre strade (con situazioni analoghe o persino più tranquille di quella italiana) si sono dimostrate DISASTROSE in termini di contagiosità e mortalità.
      Al momento attuale, ripeto, abbiamo in circa 6 mesi 10 milioni di contagi e 500000 decessi. Considerato che ci sono tutte le condizioni epidemiologiche per mantenere florida l'epidemia e permetterne il ritorno in pompa magna coi mesi freddi (il fatto che attualmente sia rigogliosa in paesi densamente e fittamente popolati, in primis l'India, oltre che in Africa, Medio Oriente e nelle Americhe non depone affatto bene) rende estremamente problematica la gestione di un'eventuale nuova ondata, oltre che purtroppo estremamente probabile per i motivi di cui sopra e per la globalizzazione.
      Se dovesse succedere, ripeto, si può discutere su cosa e come limitare, ma il distanziamento sociale resta l'unica arma per permettere di ricoverare, curare e dimettere l'enorme massa di pazienti infetti.
      Che, anche qui senza timore di smentita alcuna, non ha eguali in termini di tempistica: nessuna malattia infettiva in Occidente è stata, nell'ultimo secolo, capace di determinare un quadro così drammatico per contagiosità, gravità, estensione e sovraccarico ospedaliero (Spagnola a parte, appunto).

      Elimina
    31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    32. Ammetto, e' stato molto bravo. Si parlava delle previsioni di Tarro, le quali sono risultate tutte errate inclusa l'ultima ("con l'estate il Covid19 se ne andra'", https://www.youtube.com/watch?v=kisz9iaxH48 . Per inciso, siamo in estate! ). Manco una ne ha indovinata, nemmeno quando sembrava volesse "vincere facile"!

      Lei pero' e' tornato a parlare ancora dei calzini fucsia di Burioni grazie ad un taglio sapiente delle sue dichiarazioni (come dimostrato, aveva detto ben altro in quella trasmissione), poi riportando delle opinioni in contrapposizione ai fatti, come le spiegavo.

      Ritorniamo sul pezzo, allora: ha qualcosa da dire sull'argomento oppure vuol continuare a parlare d'altro?

      Elimina
    33. domenico non ha capito che le terapie intensive in friuli sono rimaste vuote o quasi proprio per il lockdown: senza lockdown, sarebbero state come in lombardia: piene da scoppiare. ricordate gli hashtag #milanononsiferma? beh, lo hanno pagato caro, l'errore di sottovalutare la situazione..

      classico: usare misure di prevenzione, e quando queste dimostrano di funzionare lamentarsi che il problema e' stato sopravvalutato...

      Elimina
    34. "classico: usare misure di prevenzione, e quando queste dimostrano di funzionare lamentarsi che il problema e' stato sopravvalutato..."

      Qualcuno ha detto "Bill De Blasio" e "2015"?
      Se all'epoca la tempesta di neve avesse mantenuto le promesse le misure prese sarebbero state perfette. Visto che la tempesta, per fortuna, perse forza, fu attaccato violentemente.

      Elimina
  27. Tarro potrebbe sempre tentare con gli ig-nobel, credo gli andrebbe moolto meglio! Sarebbe bello segnalarlo alla giuria; in fondo sarebbe in compagnia di gente "stimata"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me ne voglia (e chiedo scusa anche al padrone di casa per l'abuso della sua pazienza), non sono un bastian contrario di professione, ma gli ig-nobel sono delle ricerche APPARENTEMENTE bizzarre, le quali sono state spesso preludio a scoperte molto importanti.
      Puo' guardare questo interessantissimo video del cicap: https://www.youtube.com/watch?v=lkgz04kPXW4

      Elimina
    2. Lo so. Ma accanto ai premi dati a ricerche bizzarre ma che hanno avuto risvolti importanti o comunque interessanti, ci sono anche i premi conferiti all'insegna del sarcasmo feroce, ad esempio Chimica, 1994 - " Bob Glasgow, senatore dello stato del Texas, licurgico legislatore locale, per aver sostenuto, nel 1989, una legge antidroga che rendeva illegale l'acquisto senza un permesso di fiale, becher, provette e altra vetreria da laboratorio.", Oppure Pace, 1996 - "Jacques Chirac, presidente della Francia, per aver commemorato il cinquantesimo anniversario di Hiroshima testando delle armi nucleari nell'Oceano Pacifico.", O ancora Fisica, 2998 - "Deepak Chopra, del Centro Chopra per il Benessere di La Jolla, California, per la sua unica interpretazione della fisica quantistica e della sua applicazione alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità economica." (La sua, ovviamente).
      Direi che la compagnia perfetta possa essere il pluripremiato Benveniste (tutti ricordiamo le sue teorie sulla "memoria dell'acqua..) che lo vinse nel '91 e nel '98.

      Elimina
  28. Caro Giovanni, io sono medico e abito a La Spezia, la provincia ligure meno colpita dalla Covid-19.
    La situazione era questa:
    La Spezia --> 12 letti di terapia intensiva portati a 16 , tutti per Covid-19.
    Sarzana --> 12 letti di terapia intensiva creati ex novo, tutti per Covid-19.
    Totale --> 26 letti.
    Ci sono poi i posti letto di malattie infettive e pneumologia.
    Tutti pieni.
    Un giovane medico di medicina generale, sano, magro e sportivo, in fin di vita, ripreso dopo molte settimane in terapia intensiva.
    Altri operatori sanitari contagiati, sia pure in forma meno virulenta.
    Medici pensionati richiamati in servizio, compreso mio marito.
    Ora, per favore, vieni da noi e ripeti le tue affermazioni.
    Ripetile di fronte a chi ha perso un familiare,di fronte a chi ha visto la morte in faccia,di fronte ai sanitari che hanno affrontato turni inumani per garantire il servizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo tu abbia confuso Giovanni Parrella, medico come te, con Domenico che accusa virologi, medici , epidemiologi, ecc di allarmismo ingiustificato (riassumo) e, contemporaneamente di non aver saputo "predire" l'entità dell'epidemia e si scaglia contro la "dittatura sanitaria".
      Giovanni, Angelo e Trivial stanno da giorni tentando (inutilmente) di farlo ragionare.

      Elimina
    2. Angelo, per la cronaca, rinuncia. dopo l'ultimo commento dove sembra che il regno unito (con il record di morti europeo) sia un esempio da seguire, dopo che ha scritto che in usa hanno pochi morti senza lockdown (ma come? niente lockdown in USA? ma dove si informa?), dopo aver citato la svezia come esempio mentre stanno ripensando la loro strategia..mi sono convinto che queste discussioni sono utili come una foto di una molecola di ossigeno per un uomo che sta affogando (cit.)

      Elimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potevi dirmelo, avrei fatto volentieri cambio: io invece sono dovuta andare a lavorare, mettendo a rischio la salute mia e della mia famiglia, mio padre, per proteggerlo, è dovuto restare solo oltre due mesi ad affrontare la sua abbastanza recente vedovanza, visto che io dovevo andare tutti i giorni a farmi alitare e sputacchiare in faccia da quelli che come te non hanno capito il problema e, prima ancora, non hanno ben chiaro cosa significhi vivere in una società.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Domenico, se ti preoccupa la forma fisica, ti consiglio di scaricare una delle tante app per allenarti a casa. Ti serve solo un tappetino (se hai la Moquette nemmeno quello). Molte sono gratuite e ti assicuro, ti fanno sudare quasi come la palestra e sono eccellenti se combinate con il Jogging (che peraltro si è di fatto sempre potuto fare). La mia preferita è Adidas Training, ma c'è solo l'imbarazzo della scelta.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. L'attività fisica serve anche per rafforzare la motivazione. Certamente bisogna trovare la voglia, e non è facile, ma vedrai che dopo aver lasciato (figurativamente) l'anima sul tappetino avrai una mente piú sgombra e uno spirito diverso.

      Soldi ne abbiamo persi tutti, io anche - per fortuna pochi, la mia famiglia in Lombardia invece si trova in difficoltà ed infatti sto mettendo da parte sia mai che... Ma alla domanda: "ne è valsa la pena?" rispondo con un convinto si, pur con tutte le critiche legittime all'operato di governo.

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    7. Per me la morte interiore è questa società distopica messa in piedi dall' ' OMS e dal governo italiano soprattutto che non permette di godere a pieno del mio tempo e della mia vita che ha comunque una durata finita.

      Lei, caro Domenico, parla così e fa il gradasso, proprio perché era "all'ingrasso" a casa. Non vedeva i corpi avvolti nei sacchi bianchi caricati nei camion, non ha visto giovani padri di famiglia avere fame d'aria. Non ha visto la dispnea, non ha visto le TAC di polmoni ridotti come tappetini di crine.
      Non li ha visti e hanno cercato di non farglieli vedere perché poi uno resta traumatizzato a vita.
      E non resta all'ingrasso dicendo che la colpa è dell'OMS, si metterebbe in un angolo, timidamente, senza dire una parola e sperando che tutto passi presto.

      Un giorno sono tornato a casa senza dire una parola. Mio figlio ha capito che qualcosa non andava e mi ha chiesto cosa. Non ho avuto il coraggio di raccontare ciò che avevo visto.
      Come non lo racconterò a te.

      Non sai nemmeno scrivere in italiano ma vuoi spiegare alle persone (e ai medici) cos'è questa malattia, come si cura, come si gestisce. L'ignorante può essere un bravo allievo ma se pensa di sapere le cose che non può sapere è solo presuntuoso e con i presuntuosi non si discute

      E ti auguro di continuare a stare all'ingrasso, convinto sia tutta una finzione, beato nella tua ignoranza perché non sai e non hai visto.
      All'ingrasso e felice.

      Saluti.

      PS: Non mi rispondere perché al prossimo commento cancellerò ogni tuo intervento, dopo le tragedie avvenute non ho nessuna intenzione di sopportare la presunzione degli ignoranti.
      Grazie.

      Elimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incredibile come ti contraddici. dovresti rileggerti..

      Stati Uniti senza lockdown? ma quando mai? hanno il lockdown eccome, hanno anche 2.7 milioni di casi e 40.000 nuovi casi al giorno, con 16 stati che stanno ritardando la riapertura e ospedali in citta' piu grosse di milano che scoppiano.
      citi il regno unito? davvero? maggior numero di morti in europa, sistema di tracciamento ancora non funzionale, una grossa citta' come Leicester ha appena esteso il lockdown? ma dove ti informi?

      caro mio, tu forse pensi che l'OMS sia tipo la spectre, che comandi gli stati da un castello in transilvania. L'OMS da' consigli e linee guida, ogni stato decide per se' in totale autonomia. Vedi la figuraccia della Svezia (i paesi confinanti hanno chiuso i confini agli svedesi) o il regno unito che dopo aver accarezzato l'idea dell'immunita' di gregge e' tornato sui suoi passi dopo 24 ore. Oppure vedi il Brasile, dove stanno morendo come mosche mentre quel tonto del presidente fa finta che vada tutto bene. Alla faccia della dittatura sanitaria...

      La realta' e' che l'economia sarebbe andata molto peggio se non avessimo chiuso niente: sistema sanitario al collasso, molti piu' morti, costi insostenibili (sai quanto costa un letto di terapia intensiva al giorno?), la gente si sarebbe chiusa in casa per paura e alla fine avremmo chiuso tutto comunque, perche' la realta' colpisce forte come un pugno in faccia, prima o poi.

      sono state usate misure dure, ma necessarie e senza alternative (non abbiamo vaccini, e l'unico farmaco efficace - caro vecchio desametasone - e' stato comprovato una settimana fa). questa e' la realta'.
      poi se vuoi fare come i diabetici che continuano a mangiare dolci nonostante l'avvertimento del medico e poi si ritrovano nei guai seri (ma potrei fare molti esempi simili...) fai pure. solo che questi pagano sulla propria pelle, chi scherza con le malattie infettive mette in pericolo la comunita'.

      e fai un favore a te stesso: in un blog come questo, non dovresti citare gli illuminati manco per scherzo. Basterebbe accettare i fatti ed evitare di pensare che la propria opinione sia giusta nonostante la mancanza di prove a supporto.
      "tu parli di illuminati perche' ti vuoi abbronzare" cit.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Senti Domenico, qua ormai ti dai al trollaggio becero.
      Ne dici una dopo l'altra: ma dove hai letto che il lockdown americano é diverso da quello italiano o europeo in generale?
      Continui con la storia del terrorismo psicologico dell'OMS? Guarda, la gente ti spiega le cose e tu torni a coppe, come si su suol dire.
      Io ci rinuncio, basta..

      Elimina
  32. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  33. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domenico, che le devo dire: ci siamo inventati tutto, non c'è nessun virus, era un complotto per affamare la popolazione mondiale :) e sopratutto, gli unici a fare il lockdown sono stati italiani e cinesi.
      Io in Regno Unito andavo a lavorare ed era come fare un giro in una città fantasma, a parte qualche pub che ha prontamente perso la licenza (la polizia che controlla che le regole si rispettino! Pensa un po'), avevo la terapia intensiva piena e email dall'ospedale che mi aggiornavano sul numero di morti al giorno. Ma tu dici che abbiamo esagerato a fare tutti questo, hai ragione tu :)

      Elimina
  34. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro, non solo ti ho gia' risposto in precedenza ma lo hanno fatto almeno altre 3 persone. e tu continui a ignorare le risposte ed a ripetere le domande. che ti rispondo a fare? dovrei scrivere un papello, ribattere punto per punto e tu chiederesti la stessa cosa e ribadiresti la storia della dittatura sanitaria.
      francamente, al secondo commento in cui ti spiego come stanno le cose e tu lo ignori, mi scoccio.

      Elimina
  35. ma poi, prima in USA non c'era lockdown, ora il lockdown di trump e' soft?
    mah...ho appena visto le ultime notizie dagli USA...fantascienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Lei non ha "perplessità" o "dubbi", uno che li ha fa DOMANDE, chiede (per favore), si presenta, ringrazia.

      Lei ha già le risposte e ne è convinto.
      Resti della sua idea ma non venga qui ad ammorbare l'aria.
      Grazie.

      Elimina
  36. Oltretutto, notizia di un paio di giorni fa, in Australia torna il lockdown per oltre 300000 persone... O l'Australia è in Italia, o il lockdown è stato tutt'altro che una prerogativa italiana come sembra credere Domenico... Le domande le ha fatte, le risposte sono arrivate, CHIARE, DOCUMENTATE ED ESAUSTIVE, ma le ha ignorate sistematicamente, rivomitando in loop le "informazioni" attinte da qualche pagina Facebook "noncielodichonoh", in un uragano di dunning-kruger che "Katrina levati!". Una amichevole pacca sulla spalla ad Angelo, Trivial e Giovanni che ci hanno provato.
    Il problema è che di "Domenico" in giro ce ne sono tanti.
    E, Salvo, lungi da me dirti cosa e come fare in casa tua, ma io non cancellerei gli interventi di Domenico, sia mai che le risposte alle sue "domande" (virgolette d'obbligo, visto che pare trattarsi di domande retoriche...) da lui ignorate, possano invece essere utili a chi ha dubbi simili ma vuole REALMENTE capire.

    RispondiElimina
  37. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!